Cos’è Pigmenti

I pigmenti sono sostanze che determinano il colore.

I pigmenti del Teatro sono gli attori, sono le storie, sono le persone che fanno vivere il teatro, che danno colore alla magia del teatro.

Pigmenti è il nome di una rassegna di teatro.

La prima edizione di Pigmenti si è svolta ad Ostra (AN) per la stagione 2014/2015.

Pigmenti è un evento unico nel suo genere. Nelle Marche non esiste una rassegna di teatro professionista che si sviluppi in diversi Comuni.

Pigmenti e la nostra idea di teatro

Il teatro - oltre che una pratica - è un luogo per la cittadinanza, un luogo dove incontrarsi e dove sviluppare il senso di una comunità. Il teatro contribuisce a creare l’identità di un popolo.

Siamo attenti alla nuova drammaturgia e alla contaminazione tra i diversi linguaggi dell’arte.

La nostra idea di teatro si sviluppa attraverso una progettualità attenta al territorio e in cooperazione con le realtà che in esso operano.

In armonia col territorio apriremo alla riflessione e al confronto sul contemporaneo, sui valori universali e su quei temi attualmente al centro del dibattito socio-culturale nazionale.

Residenzialità condivisa

Quest’anno la rassegna Pigmenti si propone e propone ai Comuni e al territorio un nuovo progetto di residenzialità e di teatro aperto.

Il nostro invito - rivolto alle compagnie ospiti - è quello di non proporre soltanto uno spettacolo, ma di aprirsi al pubblico e agli addetti ai lavori, con offerte di laboratori e incontri pubblici.

I laboratori formeranno e metteranno al centro il concetto di teatro vivo e aperto al territorio.

Pigmenti è una rassegna e uno spazio culturale sostenibile e condiviso.

Ogni artista declinerà - in collaborazione con i Comuni ospitanti e con Coniglingarage - un’offerta formativa a prezzi popolari adeguata al territorio e rispettosa dello specifico urbano.

 

Pigmenti’s Dream: Il teatro Misa

Sulle rive di un fiume da sempre nasce la civiltà, l’accampamento… il corso di un fiume unisce geograficamente e nel senso il teatro del Misa.

Sogniamo:

  • di veder sorgere un progetto di unione artistica dei Teatri che risiedono nella Valle del fiume Misa - che i Teatri si diano delle linee programmatiche comuni
  • un Teatro etico e sostenibile al servizio del Territorio
  • un Teatro che ponga al centro le tematiche umane care al contemporaneo
  • Teatri che siano luoghi di transito di Artisti ma anche di scambio culturale
  • Teatri che siano sede di produzioni e residenze teatrali con progetti legati al territorio
  • Teatri che abbiano la vocazione di raccontare il Territorio, la storia, le origini e i miti
  • Un teatro capace di divulgare l’immagine del Territorio e arricchire il suo Capitale Umano

 

Il territorio della valle del Misa

L’unione tra Ostra e Corinaldo è il primo imprescindibile fondamento del Teatro Misa.

La collaborazione potrebbe estendersi al comune di Trecastelli e a tutti quei Comuni della Valle del Misa - in linea con la nostra linea progettuale - per creare così un unico grande teatro ideale: il Teatro Misa.

Il coinvolgimento di Senigallia garantisce inoltre un’ottima visibilità al progetto.

 

La presentazione del Teatro Misa

Per inaugurare il Teatro Misa - sognato da Pigmenti - vorremmo realizzare una serata in cui interverranno personaggi illustri del mondo della cultura e dello spettacolo.

Gli ospiti parleranno di cultura e di teatro, un salotto aperto al pubblico e alla stampa.

La serata si fregerà dei contributi degli artisti che vi prenderanno parte con estratti teatrali e brani musicali.

Il luogo deputato per l’inaugurazione potrebbe essere il Teatro la Fenice di Senigallia.

Lo scopo della serata è presentare il progetto al pubblico e alla stampa per garantire così ampia visibilità al progetto nascente e a tutti i Comuni, le istituzioni e le personalità coinvolte.